Famiglie Storiche di Ponzano Veneto

Aria del tempo passa’


Aria del tempo passà,
che ‘ndava sora
e vecie case, i prai,
i orti ben curai.
Tuto intorno
saveva da staea,
da gaine ruspanti,
da porsei grugnanti.
El iera on profumo
de cose de casa,
che libero girava,
el te contornava.
Nel cortio
i sighi dei tosatei,
i dava alegria.
I noni i se moveva
aiutandose
co on baston,
ciapando on nevodet
par man, quel pì
chieto e bon. Insieme
i se incaminava,
longo a stradeeta
sterada, par vedar
a sicità che brusava,
el trifoglio del prà
che el doveva essar taià.
El tosatel curioso
seguiva el nono.
I do se fermava


Incantai
A vardar l’oseeto
Che el cinguetava,
l’aqua ciacoeona
che a andava de freta
e no a se fermava
gnanca a tegnerla.
A mesogiorno
i ritornava,
vardando el sol
che rideva drito
in alto nel ciel,
godendo, quando
na nuvoea girondoeona
a ghe montava sora
e a portava so a tera
l’ombra bona.
I se afretava
quando i sentiva
i rintochi dea campana
che a ciamava casa.
Aea sera, col din don
dell’Ave Maria
disendo na preghiera,
i ‘ndava a riposare,
dondoeai dal canto
de l’usignoeo,
che passiente,
el spetava el scuro
par far el so lavoro.




(da Se godevimo co gnente di Giovannina Pasqualotto)

Sezione 11 di 11 sezioni ‹ First  < 9 10 11